lunedì 7 marzo 2016

8 Marzo 2016 e Gpa


GPA o MORTE LA CULTURA LIBERTICIDA DEL BAVAGLIO
di Iole Natoli   


In questi giorni di PRETESA DI BAVAGLIO Pro-Gpa-Libera-Mondo, accade perfino che in un gruppo "FEMMINISTA" di Facebook ti cancellino senza nemmeno dirti il perché e che, se chiedi lumi alla comunità correlata, non ti si risponda nemmeno.
In questi giorni di “democratica” agonia del pensiero, che prevede che a parlare siano solo gli/le autodefinitesi-non-schierate/i, in realtà più schierat* di un plotone d’esecuzione, accade che ti arrivi tramite newsletter questa immagine da un membro parlamentare di SEL.

sabato 5 marzo 2016

#UteroInAffitto o #GPA e il DIRITTO NATURALE del BAMBINO


Gpa o della più intima continuità umana negata
di Iole Natoli

Disegnato da Freepik (>)


Nell’attuale esplosione di contrasti che si accompagna al tema della cosiddetta maternità surrogata, accade di sentire le opinioni più incredibili anche da parte di psichiatri o psicanalisti - non molti per fortuna - che dovrebbero avere uno sguardo più attento alle prime emozioni dell’infanzia.
Perché di fatto di tutto si discetta tranne che del diritto naturale del bambino (quello reale perché nato, non quello fittizio esistente solo come progetto da realizzare comunque), che consiste nell’aver riconosciuta e tutelata  la propria   continuità   esperienziale,   che  lo
lega  alla  vita intrauterina in cui ha appreso a decifrare e costituire il suo piccolo mondo, attraverso le reazioni emotive e la voce della donna che lo ha avuto in grembo per così tanti mesi.

domenica 28 febbraio 2016

Le Unioni civili, l’errore della #StepChildAdoption, il clima sociale

COME TI CAPOVOLGO LA REALTÀ
O L’ANALISI NON RADICALE DEL PENSIERO
  di Iole Natoli    

designed by Freepik (link)

In un’intervista su repubblica.it sulla fiducia posta e ottenuta dal Governo per le Unioni civili al Senato, alla domanda “come mai non è deluso?”, l’ex deputato Franco Grillini, militante del movimento LGBT e presidente onorario dell’Arcigay, così risponde: «Perché lo abbiamo cambiato lo stesso, questo paese. (…) Abbiamo fatto una rivoluzione civile nonviolenta e qualcuno non se n'è neanche accorto» (link). Non tutti però hanno la stessa serenità di sguardo e la stessa obiettività di giudizio e questo sia tra gli omosessuali che tra i commentatori estranei al movimento.

mercoledì 24 febbraio 2016

Gpa e questione etica / Cristina Comencini risponde alla lettera aperta di Iole Natoli


Per leggere la risposta andare al sito corrispondente all’immagine (link).
 
            http://www.cheliberta.it/2016/02/22/risposta-a-iole-natoli-differenza-allorigine-della-nascita/
Se invece si vuol firmare la petizione CONTRO l’Utero in affitto, cliccare qui per andare su change.org (link).

martedì 16 febbraio 2016

No a Utero In Affitto e GPA / “Gestazione Solidale anche per sé”, tra divieto e possibilità

La “Gestazione Solidale anche per sé” potrebbe non essere in contrasto col divieto di Utero in Affitto e di Gpa
di Iole Natoli

designed by freepik.com

Nota preliminare: questo scritto rappresenta la continuazione dei miei articoli precedenti linkati in   calce, in particolare dell’ultimo del 13 febbraio. Presupposto di base è dunque la stesura di una carta mondiale che preveda un doppio binario come già specificato altrove (link).
Non più gestazione per altri, ma gestazione solidale anche per sé. Il per sé non può essere escluso dal dono. Senza assumersi una responsabilità personale (dunque non cedibile ad altri) verso quel che viene donato, si può donare un   oggetto, forse un animale, ma non un essere umano. 

sabato 13 febbraio 2016

GPA E ACCORDI MONDIALI / LETTERA APERTA A CRISTINA COMENCINI

GPA e QUESTIONE ETICA /  Quale progetto da discutere all’ONU?
di Iole Natoli  

Gentile Cristina Comencini,
partecipo come altre al dibattito sull’Utero in affitto,   detto più asetticamente GPA, e personalmente sarei lieta per diverse ragioni se tale pratica venisse eliminata su tutto il pianeta. Nutro però non pochi dubbi sulla fattibilità di un’abolizione globale.

venerdì 12 febbraio 2016

A CARTE SCOPERTE / #Cirinnà #StepChildAdoption


Dal Parlamento si pretende coerenza
di Iole Natoli  
designed by freepik.com

Si pretende. Non è affatto un eccesso verbale ma un termine del tutto adatto al mandato che i parlamentari sono tenuti, per volontà popolare, ad onorare. Onorare un mandato non significa soltanto presentare proposte di legge necessarie e coerenti, ma altresì esprimere il proprio pensiero in sede di discussione, in accordo o in disaccordo a una qualsiasi proposta, secondo un’impeccabile logica. Sostantivo che mi sembra sia assente da molte delle contestazioni che avvelenano l’atmosfera del Senato in questi giorni, in relazione al DdL sulle Unioni Civili.